Stream of consciousness, tanto per gradire

Mi è arrivata una mail di mio papà che mi mandava una foto. Niente di sdolcinato, solo una cosa di lavoro. Dopo un attimo che esamino la foto, riconosco il luogo in cui è stata scattata. Il documento della foto era stato appoggiato sul tavolo del salotto, sopra il bel copritavolo bianco, che mia madre ha comprato dopo giorni di tentennamenti. Non lo so perché, ma all’improvviso mi è venuto un groppo in gola. Ho visto mamma, mentre stendeva questo copritavolo con mano esperta. Ho ripensato agli anni di esperienza e “perfezione” che a me e mia sorella sono stati regalati dai nostri genitori. Certo che non c’era niente di perfetto, io e mia sorella ci opponevamo, gridavamo, litigavamo, abbiamo fatto le nostre battaglie, com’è giusto che sia tra genitori e figli. Ma adesso che ho compiuto 31 anni e che sto costrunedo pian piano la mia piccola famiglia, penso che un tempo i miei genitori sono stati come me, come noi. Pieni di insicurezze, imperfezioni, paure. Chissà quante volte si saranno chiesti se quello che stavano facendo era la cosa giusta, quante volte avranno avuto paura di non riuscire a fare abbastanza. Eppure ci hanno regalato una vita felice, serena senza farci mai mancare niente. A fatica sto andando dall’altra parte della barricata e mi chiedo se sarò in grado di fare quello che hanno fatto loro, quello che una volta sembrava così poco, ma che in realtà è stato tutto il mio mondo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...